I 5 principali trend e dati sui viaggi per rendere il tuo hotel su misura per le famiglie

LinkedIn +

Il settore dei viaggi in famiglia sta registrando una rapida crescita, tanto che, secondo quanto riportato nello studio “Key Trends in Family Travel” di GlobalData, si prevede sarà pari al 25% entro il 2022. L’articolo “Summer Travel Trends”, redatto da ThinkwithGoogle, sottolinea invece come “le ricerche che hanno evidenziato un aumento maggiore nell’arco di un anno sono quelle relative alle vacanze in famiglia”. Ma il tuo hotel è a misura di famiglia e in grado di approfittare di questa crescita?

Se ancora non lo fosse, è il momento di iniziare a proporre offerte e promozioni che richiamino più famiglie e fare in modo che l’atmosfera attragga questo tipo di ospiti e li faccia sentire a casa.

Le famiglie in viaggio si comportano in modo molto diverso rispetto al passato e il concetto stesso di questo tipo di vacanza sta subendo una rapida evoluzione: al giorno d’oggi diverse generazioni condividono le stesse esperienze e gli esponenti della generazione Alpha hanno un peso sempre maggiore nella scelta di destinazioni e attività. Comprendere desideri e aspettative delle famiglie sugli hotel è quindi fondamentale.

Continua a leggere per scoprire trend e dati analitici di trivago sui viaggi in famiglia*, che possono aiutarti a trasformare il tuo hotel in un hotel adatto a questo tipo di ospiti.

1. Alle famiglie piace divertirsi

I viaggi in famiglia sono fatti per divertirsi insieme e portare a casa ricordi duraturi. Ma, perché questi i ricordi siano piacevoli, è necessario che prima di tutto lo sia il soggiorno. I dati analitici di trivago* indicano che quando si tratta di scegliere la sistemazione ideale, le famiglie preferiscono quelle di fascia più alta con le valutazioni migliori.

È inoltre molto importante che in prossimità dell’alloggio siano disponibili strutture e attività divertenti, su misura per questo tipo di clientela: infatti, i dati analitici di trivago* dimostrano quanto spesso vengano preferite sistemazioni con piscina, vicine alla spiaggia o con spiaggia privata. Non solo, anche delle TV con dei canali per bambini, la colazione compresa nel prezzo e la possibilità di fare il bucato sono dei must.

Ma questi servizi di base sono sufficienti per far spiccare la tua struttura rispetto alla concorrenza? Continua a leggere per scoprire come offrire soggiorni che si traducano in esperienze positive per tutta la famiglia.

2. Le famiglie vogliono sperimentare il turismo esperienziale

Da sempre, il viaggio in famiglia è considerato come un appuntamento irrinunciabile. Sebbene questo sia sempre vero, le mete scelte oggi per questo tipo di vacanza sono diverse rispetto a quelle tradizionali;  ecco perché un albergatore come te dovrebbe offrire qualcosa in più per sbaragliare la concorrenza.

Le famiglie non vogliono semplicemente visitare destinazioni nuove e sconosciute, cercano esperienze. Andare in vacanza significa trascorrere tempo insieme, svolgendo attività divertenti che si potranno ricordare con piacere negli anni. Secondo Forbes Travel Guide “quando si viaggia con la famiglia al seguito, scegliere di condividere esperienze è chiaramente l’opzione migliore”.

Se vuoi offrire un soggiorno esperienziale, potresti organizzare un miniclub o giochi per tutta la famiglia, rendere disponibile un servizio di babysitting, lasciare utilizzare gratuitamente sdraio e giocattoli gonfiabili per la piscina, offrire parco giochi, campo da minigolf, serate con giochi da tavolo o una biblioteca per i più piccoli, oltre a distribuire pannolini e latte in polvere… e questi sono solo alcuni esempi!


Vuoi ricevere tutti gli approfondimenti direttamente nella tua casella email?
Iscriviti subito alla nostra newsletter!


3. Sempre più famiglie scelgono esperienze formative

Avere figli non significa più meno viaggi e avventure per i genitori. Sono infatti sempre più numerose le famiglie che prendono un anno sabbatico per viaggiare ed entrare in contatto con realtà diverse, apprendendo e vivendo esperienze in prima persona, un fenomeno noto in inglese come edventure.

La maggior parte dei viaggi dura qualche mese, durante i quali si soggiorna in hotel di alto livello o in strutture che contribuiscono a rendere la l’avventura di viaggio ancora più indimenticabile; in altri casi però i soggiorni sono molto lunghi e tutt’altro che tradizionali e per un anno o due si sostituiscono scuola e lavoro con incredibili avventure.

4. La generazione Alpha ha un’influenza sempre maggiore nelle scelte sui viaggi in famiglia

L’articolo Trends in Family Tourism illustra quanto “al giorno d’oggi, i bambini siano consumatori sofisticati. Le aziende hanno individuato in fretta il divario crescente tra i diversi gruppi di età, talmente accentuato da giustificare prodotti e servizi destinati solo a questi utenti, che, per quanto preadolescenti, si sentono più teenager e adulti”.

Appare chiaro come la generazione Alpha, costituita dai nati dopo il 2010, nonostante la giovane età, abbia già le proprie idee e opinioni e faccia sentire il proprio peso nelle decisioni in famiglia, anche in quelle sui viaggi. Lo studio Gen Alpha & Family Travel Trends, condotto da Northstar Research Partners, afferma che “benché l’ultima parola spetti agli adulti, la generazione Alpha influisce sulle decisioni dei viaggi di famiglia. Nel caso di viaggi con figli appartenenti a questa fascia di età, destinazione (nel 64% dei casi) e attività da svolgere (il 57% delle volte) sono gli argomenti che vengono più valutati e discussi”.

5. In aumento i viaggi che coinvolgono più generazioni

Sono sempre più numerosi i baby boomer sani e attivi e i componenti della generazione X già nonni, ecco perché sono in aumento anche i viaggi tra nonni e nipoti (fenomeno anche conosciuto come “gramping”) e i viaggi condivisi tra più generazioni. Questi viaggiatori vogliono una vacanza divertente, che consenta di rafforzare il legame familiare e lasciare ricordi duraturi.

Il quotidiano britannico The Telegraph, nella sezione dedicata ai viaggi, cita il gramping sostenendo che “sempre più famiglie scelgono di trascorrere le vacanze tra tre generazioni diverse, non solo per risparmiare sui costi dei servizi per i minori, ma anche per mantenere la relazione tra familiari di età differenti”.

 

Valorizza al meglio la tua struttura e ricevi più prenotazioni.

Scopri di più

 

Sei pronto per rendere il tuo hotel adatto alle famiglie? Faccelo sapere nel campo dei commenti in basso.

__________

*Dati analitici di trivago: basati sul comportamento di ricerca hotel dei viaggiatori su trivago tra il 1° settembre 2018 e il 1° settembre 2019. I dati del report si basano su sessioni filtrate nelle quali venivano inclusi almeno un bambino e una tipologia di camera familiare. Le percentuali sono state arrotondate.

Una versione precedente di questo articolo era stata pubblicata a dicembre 2016.

Foto: Oleksandr Pidvalnyi su Pexels

CONDIVIDI

Lascia un commento